Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

Ludovico Scarfiotti

Torino 18 ottobre 1933, Rossfeld (Germania) 8 giugno 1968. Pilota. Nipote di uno dei fondatori della Fiat (anche lui Ludovico), figlio di Luigi (buon pilota, fu terzo nella Mille Miglia del ’32), dal ’63 alla Ferrari, il 5 maggio fu secondo nella Targa Florio (con Lorenzo Bandini e Willy Mairesse), il 16 giugno vinse la 24 Ore di Le Mans (con Bandini), la settimana dopo fece il debutto in Formula 1 chiudendo sesto nel Gp d’Olanda (Zandvoort, 23 giugno). Raggiunse il punto più alto della sua carriera il 4 settembre 1966, quando vinse a Monza (sempre su Ferrari) il Gp d’Italia, primo italiano a riuscire nell’impresa dal ’52 (Alberto Ascari). Scaricato dalla scuderia di Maranello, impegnato con la Porsche in gare di durata e salita, morì per un incidente durante le prove del Premio delle Alpi.

Biografia di Ludovico Scarfiotti

Torino 18 ottobre 1933, Rossfeld (Germania) 8 giugno 1968. Pilota. Nipote di uno dei fondatori della Fiat (anche lui Ludovico), figlio di Luigi (buon pilota, fu terzo nella Mille Miglia del ’32), dal ’63 alla Ferrari, il 5 maggio fu secondo nella Targa Florio (con Lorenzo Bandini e Willy Mairesse), il 16 giugno vinse la 24 Ore di Le Mans (con Bandini), la settimana dopo fece il debutto in Formula 1 chiudendo sesto nel Gp d’Olanda (Zandvoort, 23 giugno). Raggiunse il punto più alto della sua carriera il 4 settembre 1966, quando vinse a Monza (sempre su Ferrari) il Gp d’Italia, primo italiano a riuscire nell’impresa dal ’52 (Alberto Ascari). Scaricato dalla scuderia di Maranello, impegnato con la Porsche in gare di durata e salita, morì per un incidente durante le prove del Premio delle Alpi.