Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

Giuliano Taccola

Uliveto Terme (Pisa) 28 giugno 1943, Cagliari 16 marzo 1969. Calciatore. Attaccante cresciuto nel Genoa, poi in B con Alessandria e Varese, in C con Entella e Savona e di nuovo in B col Genoa, giocò due stagioni in serie A con la Roma (1967-1969, 41 presenze 17 gol). Colpito da un malore alla stadio Amsicora al termine di un Cagliari-Roma cui non aveva partecipato (in febbraio era stato operato alle tonsille, al rientro, il 2 marzo, si era infortunato a una caviglia) fu soccorso dai medici della Roma e del Cagliari ma morì durante il tragitto in ospedale («insufficienza cardiorespiratoria acuta», sancì l’autopsia). Il 4 gennaio 1971 Luigi Lombardini, giudice istruttore del Tribunale di Cagliari, archiviò l’inchiesta aperta dalla magistratura: dall’indagine non erano emersi elementi di responsabilità né contro i sanitari, né contro i dirigenti, né contro l’allenatore Helenio Herrera. La vedova Marzia Nannipieri non ha mai smesso di chiedere che si facesse luce sul decesso.

Biografia di Giuliano Taccola

Uliveto Terme (Pisa) 28 giugno 1943, Cagliari 16 marzo 1969. Calciatore. Attaccante cresciuto nel Genoa, poi in B con Alessandria e Varese, in C con Entella e Savona e di nuovo in B col Genoa, giocò due stagioni in serie A con la Roma (1967-1969, 41 presenze 17 gol). Colpito da un malore alla stadio Amsicora al termine di un Cagliari-Roma cui non aveva partecipato (in febbraio era stato operato alle tonsille, al rientro, il 2 marzo, si era infortunato a una caviglia) fu soccorso dai medici della Roma e del Cagliari ma morì durante il tragitto in ospedale («insufficienza cardiorespiratoria acuta», sancì l’autopsia). Il 4 gennaio 1971 Luigi Lombardini, giudice istruttore del Tribunale di Cagliari, archiviò l’inchiesta aperta dalla magistratura: dall’indagine non erano emersi elementi di responsabilità né contro i sanitari, né contro i dirigenti, né contro l’allenatore Helenio Herrera. La vedova Marzia Nannipieri non ha mai smesso di chiedere che si facesse luce sul decesso.