Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  ottobre 18 Giovedì calendario

• Torino 7 aprile 1920. Prima figlia di Edoardo e Virginia Bourbon del Monte. Ha fatto parlare di sé soprattutto per la relazione col conte Giovanni Nuvoletti, sposato civilmente nel 1974 e poi religiosamente nell’89 dopo la morte del primo marito, il principe Tassilo von Fürstenberg, il papà di Ira, l’attrice, di Egon, lo stilista, e di Sebastiano, l’uomo d’affari. «Una relazione molto contrastata, all’inizio: dalla Chiesa, dalla Fiat, persino dal ministro dell’Interno dell’epoca, il dc Mario Scelba, che giunse a ordinare l’arresto della “concubina” (allora l’adulterio era reato) mentre sbarcava all’aeroporto di Venezia Tessera» (Stefano Lorenzetto).
• «Dovemmo scappare, fare la fuitina, come dicono in Sicilia. Mio fratello ci pescò ad Arosa, nei Grigioni. Nuvoletti se lo trovò di fronte nella hall dell’albergo: era venuto a prendere me per riportarmi a casa. Indossavano la stessa giacca, la stessa cravatta, la stessa camicia. “Gianni”, gli disse Giovanni, “adesso magari litigheremo, però prima dimmi una cosa: ma ti sei guardato allo specchio?”. Mio fratello gli rispose: “Ho persino il paltò uguale al tuo”».
• «È roba da cameriere» (Così le disse il fratello Gianni a proposito del suo amore).
• «Clara Agnelli era forse la più simpatica dei sette fratelli nati da Edoardo e Virginia Bourbon del Monte. Aveva la battuta pronta, era una cuoca eccellente, amava stare in casa e non aveva paura di niente» (Vittorio Sabadin) [Sta 20/7/2016].
• Clara rimase sempre un po’ in disparte rispetto ai fratelli. Vittorio Sabadin: «A Cap Martin, d’estate, le piaceva ascoltare i discorsi dei ragazzi che parlavano d’amore. Qualcosa del genere l’aveva provato anche lei, a 12 anni, davanti all’ascensore dell’hotel di Sestrieres che il nonno Giovanni aveva appena fatto costruire. La porta si era aperta e ne era uscito un ragazzo di 20 anni, Giovanni Nuvoletti, allegro e spensierato al braccio di Umberto di Savoia, l’erede al trono. Ma non era ancora il momento. A 18 anni, nel 1938, Clara sposò il principe Tassilo von Furstenberg, esponente di una delle più antiche famiglie nobili europee. Era nato nel 1904, quando a Vienna regnava ancora il kaiser Francesco Giuseppe» [Sta 20/7/2016].
• Il padre le regala una villa cinquecentesca a Marocco, sul Terraglio, nord di Mestre, che era già stata dei Papadopoli e dove il maresciallo Josef Radetzky aveva firmato la resa di Venezia nel 1849: sulla facciata, c’è un’epigrafe; e una stanza si chiama ancora «lo studiolo Radetzky» [Fabio Isman, Mess 20/7/2016].
• «Clara e Giovanni si sposarono civilmente nel 1974 e poi di nuovo nel 1989 nella cappella della residenza di Marocco, a Mogliano Veneto. Nella vecchiaia, non più in grado di badare alla villa, si erano ritirati ad Abano Terme, come due pensionati. Nuvoletti è scomparso nel 2008, Clara è morta il 19 luglio 2016, a 96 anni all’ospedale dell’Angelo di Mestre, felice e grata per la vita che ha avuto» (Vittorio Sabadin) [[Sta 20/7/2016].
• Nelle foto insieme alle sorelle, lei è sempre in mezzo, in onore all’anzianità.
• «Di tutti i suoi nipoti e pronipoti, era particolarmente legata a Lapo Elkann, quello che le somiglia di più» (Vittorio Sabadin) [Sta 20/7/2016].