Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 0000  00 calendario

Biografia di Paolo Rossi

• Prato 23 settembre 1956. Ex calciatore. «Inzaghi è quello che mi ricorda di più».
• Attaccante cresciuto nella Juventus, dopo una breve esperienza al Como, nel 1977 vinse col Vicenza la classifica cannonieri di serie B, nel 1978 quella di serie A (doppietta ripetuta solo da Alessandro Del Piero nel 2007 - 2008). Al Perugia dal 1979, fu squalificato per il coinvolgimento nel calcioscommesse. Tornato a giocare con la Juventus nell’82, con i bianconeri vinse due scudetti (1982, 1984), una coppa Italia (1983), una coppa delle Coppe (1984), una supercoppa Europea (1984), una coppa Campioni (1985). Passato al Milan nell’85, chiuse la carriera nel Verona (1987). Con la Nazionale (48 presenze, 20 gol) vinse da capocannoniere i Mondiali dell’82, anno in cui conquistò anche il Pallone d’oro (5° nel 1978, 6° nel 1979 ecc.). Nel 1983 vinse la classifica cannonieri della coppa dei Campioni. Adesso fa il commentatore su Sky.
• «Un impasto di Nureyev e Manolete: aveva la grazia del ballerino e la spietata freddezza del torero. Danzava lieve, fragile, inafferrabile come un folletto in mezzo a difese ribollenti di furore. Un volto da elfo furbo e ridente, giostrava con l’avversario come un re dell’arena: l’ipnotizzava con la muleta, lo faceva infuriare, lo beffava con una veronica e poi la stoccata rapida. Un gioco rischioso sul filo dei centimetri. Ci rimise i menischi quando era ragazzo, dovette lasciare anzitempo con le gambe massacrate. La sua vita fu un ottovolante: impennate vertiginose e baratri profondi. Dopo le operazioni ai ginocchi fu ceduto dalla Juve come un rottame: una carriera finita prima di cominciare. Invece fiorì improvvisamente in provincia e diventò subito un fuoriclasse» (Giorgio Tosatti). «Tirocinio a Como, con Bagnoli, poi il boom a Vicenza, con Gibì Fabbri. Nel 1978, Rossi trascina il Lanerossi al secondo posto dietro alla “sua” Juve. Riscattato da Farina (alle buste, due miliardi e rotti contro gli 800 milioni di Boniperti), girato al Perugia, viene coinvolto nello scandalo del calcioscommesse e squalificato per due anni. Finalmente, la Juve lo riacquista e comincia tutta un’altra storia. Scudetti, coppe e, soprattutto, il titolo mondiale dell’82 con la Nazionale di Bearzot, che già se l’era portato in Argentina. Tripletta storica al Brasile e sei gol in tutto. Dall’Alaska alla Patagonia per tutti è Paolorossi, Pablito» (La Stampa).
• «Non ero un fenomeno atletico, non ero nemmeno un fuoriclasse, ma ero uno che ha messo le sue qualità al servizio della volontà. Non ho scheletri nell’armadio, mi sono fatto anni di squalifica per lo scandalo delle scommesse senza colpe. Sono il centravanti che fece tre gol ai brasiliani. Sono anche altre cose, ma essenzialmente quella. Mi rivedo con la maglia azzurra numero 20 e mi fa piacere perché la Nazionale unisce mentre lesquadree di club dividono» (da un’intervista di Maurizio Crosetti).
• Nella sua biografia (Ho fatto piangere il Brasile, Limina 2002) ha raccontato così la vicenda che lo fece condannare: «Dopo cena, mentre sto giocando la solita partita a tombola, tanto per ammazzare il tempo, mi si avvicina il mio compagno Della Martira: “Paolo, vuoi venire un attimo che ci sono due amici che vogliono conoscerti?”. Non sono capace di dire di no. Controvoglia affido le mie cartelle a Ceccarini e mi alzo. Nella hall vedo due tipi che non avevo mai visto, stringo loro la mano: “Piacere”. Non capisco cosa vogliano da me. Improvvisamente Mauro Della Martira dice: “Paolo, questo è un mio amico che gioca alle scommesse”. E l’amico dell’amico in spiccato accento romanesco: “Paolo, che fate domenica?”. Rispondo genericamente: “Beh, cerchiamo di vincere”. “E se invece pareggiate?”. Non capisco dove voglia andare a parare, sono imbarazzato anche se non lo do a vedere. Non vedo l’ora di liberarmi dall’impiccio. Rispondo: “Il pareggio non è un risultato da buttare. L’Avellino ha un punto in meno di noi, ha vinto con la Juve e ha perso soltanto con il Torino”. “Sai, abbiamo un amico dall’altra parte che dice che un pareggio andrebbe più che bene”, aggiunge l’altro... “magari fai anche due gol”. La discussione non mi piace per nulla. Voglio tornare alla mia tombola, queste facce non mi ispirano fiducia, taglio corto: “Mauro, mi aspettano, ci vediamo, fai tu” giusto per non fargli fare brutta figura. E torno al mio posto e riprendo a giocare. Tutto è durato appena due minuti, quelli che diverranno i due minuti più angoscianti della mia carriera. Il campo è nero di pioggia e terra, gli specchi d’acqua sono alti, evii entriamo con tutte le caviglie. Giusto il tempo di battere il calcio d’inizio e dopo 30 secondi segno il gol del vantaggio: il difensore dell’Avellino Di Somma prova a respingere un pallone che batte sulla schiena di Bagni e finisce tra i miei piedi, a circa 25 metri dalla porta difesa da Piotti. Il portiere, vedendomi avanzare solo, prova l’uscita ma lo scavalco con un pallonetto dolce che s’infila in rete. Uno a zero. La partita è dura, vivace, con diverse occasioni da rete da entrambe le parti. Pareggia l’Avellino con un gol di Pellegrini che sfugge al controllo di Zecchini e Della Martira, poi segnano ancora i padroni di casa con l’attaccante De Ponti. Il gol del due a due avviene in mischia, dove su corta respinta di Boscolo, insacco da non più di tre metri. Risolvo con un tocco dei miei una partita che sembrava compromessa. È la mia quarta doppietta in campionato, sarà infamata».
• «Per due anni Rossi resta lontano dai campi di calcio, e mentre la Juve lo ha definitivamente ricomprato, nel marzo 1981. Rossi rientrerà il 2 maggio 1982, nella terzultima partita del torneo che fa da vigilia di quel Mundial che gli darà una fama stellare. E subito la mette dentro, nella partita in cui la Juve ne infila cinque dentro la porta dell’Udinese» (Giampiero Mughini).
• «Quello alla Juve, professionalmente, è stato il periodo più bello della mia carriera. C’era molta umanità da parte delle società e tanti campioni in squadra. Ho avuto la fortuna di giocare con Platini, uno straordinario fuoriclasse, sicuramente il compagno più bravo che mi sia capitato di affiancare. Raramente una generazione ha comunque fornito tanti campioni come quelli di cui disponeva la Juve nella prima metà degli Anni 80. Oltre a Platini, c’erano Scirea e Tardelli, Gentile e Cabrini, Bettega e Boniek».
• Nel 2011 ha partecipato a Ballando con le stelle e nel 2012 ha pubblicato un secondo libro per Kowalsky, 1982. Il mio mitico mondiale.
• Ha un’agenzia immobiliare a Vicenza insieme all’ex compagno di squadra Giancarlo Salvi e gestisce un agriturismo in Val d’Ambra, provincia di Arezzo.
• Due figli, Alessandro con la prima moglie Simonetta Rizzato e Maria Vittoria con la giornalista Federica Cappelletti, avuta nel 2010 quando lui aveva già 53 anni.