Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  dicembre 13 Giovedì calendario

La capitale del Regno d’Italia sarà trasferita. Lo ha stabilito il Protocollo allegato alla Convenzione firmata con la Francia il 15 settembre 1864. Viene scelta Firenze. Il trasloco non è indolore. A Torino il 21 e 22 settembre scoppia la protesta che è repressa nel sangue: 52 morti, 187 feriti. Il 23 gennaio 1865 la Camera decide di non attribuire responsabilità. Nuovi scontri (25-29 gennaio 1865 ) culminano con l’assalto alle carrozze che si recano al ballo di corte (30 gennaio). Vittorio Emanuele è furioso. Il 3 febbraio lascia Torino offeso e amareggiato. Inizia così il trasloco della capitale a Firenze, sin dall’inizio un fatto difficile da gestire politicamente sia sul piano internazionale sia su quello interno. Alla Francia deve essere presentata come una garanzia della rinuncia a Roma, ma in Italia tutti sanno che Firenze è una capitale temporanea. Durerà poco più di cinque anni.



Firenze sarà la capitale d’Italia



Si sposta la capitale, Torino insorge



Al via i preparativi per trasferire la capitale



Carducci: «Uggiosa capitale di uno stato accentrato»



Una commissione per decidere le sedi istituzionali a Firenze



Promulgata la legge su Firenze capitale



I tumulti di gennaio a Torino



Vittorio Emanuele va a Firenze



La rivoluzione urbanistica di Firenze



Torino si scusa con il re



Il re forse non avrebbe lasciato Torino



Vittorio Emanuele di nuovo nell’amata Torino



Amnistia per i fatti di settembre e di gennaio



Ritardi nel trasferimento del ministero della Guerra



Il corpo diplomatico a Firenze



A rischio i monumenti di Firenze



Festa nazionale per Dante



Anche il ministero dell’Interno a Firenze



I grandi giornali a Firenze



La festa dello Statuto per la prima volta a Firenze



In ritardo alcuni ministeri a Firenze



Il re scioglie le Camere



Crescono le spese per Firenze capitale



Emergenza casa a Firenze



Il re inaugura a Palazzo Vecchio la IX legislatura



Senato e Camera, prime sedute a Firenze



A Firenze la prima visita di Stato



Tumulti in piazza per San Giuseppe



Nel Salone dei Cinquecento Ricasoli annuncia la guerra



Centouno salve di cannone annunciano la pace



Il re è di nuovo a Firenze



Tumulto in Santo Spirito per l’arresto di Garibaldi



Garibaldi è evaso, l’esercito di Napoleone III verso Roma



A Firenze i festeggiamenti per le nozze reali



A Firenze i festeggiamenti per le nozze reali



Le grandi manovre del 1869



Centouno salve per la nascita dell’erede al trono



Ci si prepara al trasferimento a Roma



Ultima seduta della Camera a Firenze



Firenze si schiera con la Prussia



Firenze trepida per la presa di Roma



Roma si offre al re d’Italia



L’ultima sessione parlamentare a Firenze



Firenze benemerita della nazione



Firenze «cessa di essere capitale»