Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  novembre 24 Mercoledì calendario


Sull’autobiografia di Haber

E poi l’ho letta l’autobiografia di Alessandro Haber, “Volevo essere Marlon Brando (ma soprattutto Gigi Baggini)” (Baldini+Castoldi). Avanzando nel racconto mi domandavo, io che ho la fissa per le ascendenze, le genealogie: ma da chi discende questo attore animalesco e tenero, nevrotico e poetico? Un po’ da Woody Allen, un po’ da Bukowski, un po’ da Gainsbourg, certo, ma questo già si sapeva. Un po’ da Gigi Baggini, il vecchio attore deriso interpretato da Tognazzi in “Io la conoscevo bene”, ma costui è perfino nel titolo. Volevo scoprirglielo da solo un antenato ed eccolo: Vittorio Alfieri. Il suo motto potrebbe essere “volli, sempre volli, fortissimamente volli”. Della sua vita mi ha colpito la furiosa determinazione: “Mi appostavo sotto le case dei registi o li bloccavo per strada”. Haber era un figlio di nessuno venuto da chissà dove e non basta il talento nel familista cinema romano, ci vogliono ardimento e tenacia, bisogna saper fermare Orson Welles in piazza Navona ed entrare in ufficio da Pupi Avati senza appuntamento. “Per me essere attore significava darsi oltre ogni misura”. Ancora oggi, con la barba bianca, Haber continua a reclamare ruoli, perfino in queste pagine. Riconosco in lui le tracce di Matteo 7,7 (“Chiedete e vi sarà dato”). Altro che maschera: sia considerato esempio.