Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  novembre 22 Lunedì calendario


Pillole e numeri sugli immobili di pregio in Italia

Un patrimonio da preservare per il valore non solo economico ma anche sociale e ambientale. L’Italia spende circa 5,1 miliardi di euro l’anno per mantenere i suoi immobili di pregio, allineandosi alla Spagna che ne spende 5,3. La Francia investe 14,8 miliardi e la Germania 13,5. In Europa l’Italia è al 23esimo posto, trai 28 stati membri, per la spesa diretta alla cultura e alla valorizzazione del proprio patrimonio in rapporto al prodotto interno lordo: il 2,9 per mille contro una media Ue del 4 per mille. Numeri di Onelia Onorati.

1.500 miliardi
  In euro, è il valore del patrimonio immobiliare di pregio in Italia, come rilevato dalla ricerca “Il valore del bello” a cura di Sidief e dell’Università Iuav di Venezia. Si tratta di edifici, residenziali e no, costruiti prima del 1918. Tra questi, figurano 13 mila tra castelli, palazzi e altri edifici non abitativi, che rappresentano il 4 per cento del totale.
  
1,8 milioni
  Il numero degli edifici di alta qualità, pari al 15 per cento del totale nazionale, per una consistenza di oltre 1,2 miliardi di metri quadri, circa il 30 per cento del totale Italia, e un valore totale di 1.310 miliardi di euro, il 24,5 per cento del valore totale italiano. 

8.352
  I beni di proprietà pubblica, mentre 2.500 appartengono a singoli privati. Duemilaquaranta sono nel portafoglio di realtà quali assicurazioni, banche, enti previdenziali privati, fondazioni di origine bancaria e fondi immobiliari. Occupano nel complesso più di 47 milioni di metri quadri (il 6 per cento del totale), e valgono 185 miliardi di euro (il 17 per cento del totale italiano). 

2,1 milioni
  Gli edifici storici oggi abitati, di cui oltre il 60 per cento risulta in ottimo o buono stato di conservazione. In particolare, la percentuale di edifici storici meglio mantenuti sfiora il 70 per cento nelle regioni del centro, ammonta a circa il 65 al nord e scende invece al 50 nelle regioni meridionali. 

58
  I siti italiani riconosciuti e vincolati come patrimonio dell’umanità nella World Heritage List dell’Unesco, che ci fanno salire al primo posto della classifica complessiva. Tra i luoghi oggetto recente del riconoscimento ci sono i 62 chilometri dei portici di Bologna.