Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  aprile 07 Mercoledì calendario


Alfredo Panzini e la voglia di un’estate in Romagna

“Bere il caffè e fumar la pipa al fresco d’estate è un piacere degno di Giove Olimpio”. Leggo Alfredo Panzini (per la precisione “La lanterna di Diogene”, Tarka edizioni) per quel mio vecchio vizio della prosa d’arte, per il piacere della letteratura novecentesca. Ci trovo un’epoca, con i suoi pro e i suoi contro, e un’attitudine, con i suoi pro e basta: un edonismo ben temperato, uno stile di vita oraziano, epicureo. E ci trovo la Romagna amata. Ovvio che mi venga la voglia di un’estate a Bellaria, là dove Panzini villeggiava, beveva e fumava. Apporterei solo un paio di modifiche: 1) oltre al caffè, il Sangiovese e il Famoso (un bianco semisconosciuto, a dispetto del nome, e però buonissimo); 2) al posto della pipa, il sigaro (a Bellaria si può ancora fumare, non essendo il sindaco un democratico liberticida stile Giuseppe Sala). “Quale cura pel sistema nervoso non sapere più chi è ministro, ignorare l’esistenza dei giornali…”. Purtroppo da questo punto di vista la provincia romagnola non è più un’isola felice: oggi le notizie arrivano ovunque. Panzini scriveva nel 1907 e io vivo nel 2021 e mi è difficile non sapere il nome del ministro, ad esempio, della Salute. Ma posso bere e fumare per dimenticarlo. Meglio se in riva all’Adriatico.