Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2021  febbraio 23 Martedì calendario


Se "pesciaiola" è un insulto

Stavo leggendo la storia di Bellaria, in cerca di informazioni sullo scrittore Alfredo Panzini che nella località romagnola abitò a lungo, in una casa vista mare oggi museo. E trovo, puro caso, informazioni sulla vita delle pescivendole del passato. Una di queste si chiamava Mina e la nipote la ricorda così: “Ogni notte andava da Bellaria a Cervia a prendere il pesce pescato da suo marito che stava nel capanno sulla spiaggia di Cervia, dove la pesca era più ricca. All’alba, sempre a piedi, lo portava sulla testa a vendere al mercato di Rimini. Faceva sessanta chilometri al giorno, con sei figli da allevare”. Tutti hanno già parlato degli insulti radiofonici del professore universitario Giovanni Gozzini all’indirizzo di Giorgia Meloni, fra i quali “pesciaiola”. Io non parlo, non posso parlare meglio del virgolettato su Mina la pescivendola. Saluti da Bellaria.