Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  agosto 01 Sabato calendario


La si pianti di identificare la Puglia con le vacanze

La si pianti di identificare la Puglia con le vacanze: è degradante per la Puglia e per chiunque in Puglia faccia qualcosa di più serio di cuocersi al sole. Io non ne posso più di ricevere auguri di buone vacanze ogni volta che posto fotografie con sfondi pugliesi. A parte l’offesa personale (mai fatto un giorno di vacanza in vita mia, pensare che possa andare in vacanza significa considerarmi una persona normale), è un insulto etnico: se la vocazione della Puglia è la vacanza, la vocazione del pugliese è il cameriere. E siccome quello del cameriere è un lavoro precario e pagato poco, che nessun adulto fa volentieri, identificare la Puglia con le vacanze significa inchiodare i pugliesi al ruolo dei poveracci. Chi insiste con la menata della Puglia paradiso delle vacanze, magari sulla scia dei dati Enit che segnalano il Salento come meta più prenotata d’Italia (a ferragosto già tutto esaurito!), sia condannato a fare per 12 mesi le pulizie in un b&b, vivendo solo di quel reddito.