Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  marzo 26 Giovedì calendario


L’attualità spiegata con una vecchia barzelletta

C’è una vecchia barzelletta – credo circolasse negli anni Settanta – sulla cronica instabilità politica di certi paesi sudamericani, funestati senza tregua da guerriglie, insurrezioni, controinsurrezioni, golpe e giunte militari. Racconta di un tizio che va all’edicola e dice: “Buongiorno, mi dia il quotidiano e la Costituzione di oggi”. Ebbene, pensavo che oggi un italiano, di quelli che non mancano mai nelle barzellette, se ne tornerebbe dall’edicola con sottobraccio una mazzetta da sedici chili e settecento. Magari non la Costituzione, ma per capire come comportarsi in quarantena dovrà chiedere un bel po’ di cose: “Mi dia il quotidiano, il decreto di oggi, la bozza del decreto di domani, le indiscrezioni da fonti governative sul decreto di dopodomani, l’ordinanza regionale, quella del ministero della Salute, la circolare comunale e un paio di moduli di autocertificazione freschi di giornata, grazie”. Arrivato a casa, sul quotidiano troverà una sintesi infedele del decreto del giorno, mescolata inestricabilmente alle bozze dei decreti venturi e alle voci sui congetturali, per poi scoprire che la regione smentisce il governo, il comune smentisce la regione e il modulo di autocertificazione smentisce tutti e tre, però è cambiato nottetempo e oltretutto le sue due copie non bastano perché va stampato in triplice copia. A quel punto sbrocca, proclama il suo tinello Repubblica indipendente, si fa dettare la Costituzione dal figlio di tre anni e passa le giornate con un luccichio sinistro negli occhi a dipingere orologi molli e giraffe in fiamme.