Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  marzo 25 Mercoledì calendario


Woody e l’amore

[..] Woody Allen invitava a cena Mia Farrow facendola chiamare dalla segretaria, «le va bene giovedì alle otto e trenta?».[...]
In un racconto uscito sul New Yorker, Woody Allen immaginava un bordello intellettuale, dove appartarsi a pagamento con una bella ragazza per discutere di Joyce. Scopriamo che l’aveva fatto davvero con la prima moglie Harlene, ancora studentessa: “Pagavamo uno studente della Columbia perché venisse da noi una volta alla settimana a parlarci di classici del pensiero”. Tornato scapolo, vuole diventare un grande chef per far colpo sulle ragazze. Fa chiamare dalla segretaria Julia Child, la cuoca televisiva allora più famosa d’America (la ricordiamo per il film di Nora Ephron “Julie & Julia” con Meryl Streep). Madame Child personalmente declina, suggerisce una certa signora Marshall: alla fine della lezione di tre ore – giura Woody Allen – “ero così stanco da non riuscire a stare in piedi”. Torna quindi alla sua precedente idea di romanticismo: prima di baciare una ragazza guardare insieme “Il settimo sigillo” di Ingmar Bergman: “Peste, morte e insensatezza della vita”.