Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  marzo 25 Mercoledì calendario


Rimedi che non lo erano (a proposito dell’Avigan)

Vorrei provare a rispondere a una semplice domanda, innescata dalle ultime notizie circa la pressione politica e di certo pubblico per iniziare rapidamente la sperimentazione clinica dell’ennesimo “rimedio magico” di cui questo paese non sembra mai voler fare a meno: l’Avigan, un farmaco antinfluenzale che uno youtuber fino a ieri ignoto ai più ha reso famoso come “l’arma segreta” giapponese per contrastare COVID-19. Gli scienziati si sono espressi negativamente sulle evidenze di efficacia prodotte in Cina, innanzitutto per il fatto che gli studi riguardano pochi pazienti, poi anche perché non sono “in cieco” né con controlli appropriati, e infine perché il comparatore nei due studi disponibili è sempre stata un’altra molecola sperimentale. Ma siamo in emergenza, dice qualcuno, come fanno gli scienziati a insistere su studi regolati e risultati ineccepibili?
Per semplicità, qui discuteremo solo il numero di pazienti. Supponiamo di avere due dadi, che lasciamo alternativamente rotolare; con il primo, dopo 35 tiri, otteniamo il 70 per cento delle volte un numero maggiore del secondo. Possibile. Ne dedurremmo forse che il primo dado è “migliore” del primo? No, si tratta di un caso. Ora, vedete, Avigan in uno dei due studi cinesi è stato testato esattamente su 35 pazienti, ed è risultato superiore al controllo in circa 70 per cento dei casi. Ma sono troppo pochi “tiri di dado” perché questo risultato significhi alcunché.
Ed ecco perché ieri il direttore senior dell’azienda produttrice del farmaco ha dichiarato: “Al momento non esistono prove scientifiche cliniche che dimostrino l’efficacia e la sicurezza di Avigan contro Covid-19 nei pazienti”.
Non abbiamo il diritto di mettere a rischi i pazienti su basi così labili.(Enrico Bucci è un biologo, Adjunct Professor in Systems Biology SHRO, Temple University – Philadelphia)