Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  novembre 08 Venerdì calendario


Maria Pia e Maria

Se ne sono andate due grandi donne, due belle vite, non parallele se non nel senso che hanno percorso una lunga strada e realizzato molte delle cose in cui credevano, e vale la pena salutarle. Maria Pia Tavazzani Fanfani è stata famosa soprattutto col secondo cognome, che poi era il suo secondo marito: il potentissimo, astutissimo e irascibilissimo Amintore, reuccio d’Italia e della Dc per svariati lustri. Ma lei non era la sua ombra, né la sua nemesi. È stata staffetta partigiana, operatrice umanitaria, fotografa, scrittrice, viaggiatrice. Dirigente nazionale e internazionale della Croce rossa, impegnata in dozzine di emergenze e campagne. Tra pochi giorni avrebbe compiuto 97 anni, ben spesi.
Maria Perego di anni ne aveva solo 95 ed era nipote di un marionettista, nata nella città delle maschere, Venezia. E questo, come un destino, decise l’avvenire delle sue mani e il suo mestiere. Maria Perego, entrata alla Rai nel 1954, poi presto destinazione Tv dei Ragazzi, è famosa per il pupazzo, o la marionetta, che ha creato, prime prove nel ’57, ma lei che era puntigliosa diceva che aveva funzionato solo dal 1961: Topo Gigio. Alter ego ironico e sentimentale di un paio di generazioni di italiani, ancora in attività. Ma soprattutto, e allora viene da pensare a quanto fosse brava Maria Perego, un’artista vera, un personaggio a tutto tondo, sfaccettato, dotato di psicologia ed emozioni e della mimica e della voce per poterle dire. E poi, a ben guardare, un tratto da vite parallele ce l’avevano davvero.
Tutte due hanno passato la vita con tipo un piccoletto e con le orecchie a sventola.