Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1956  ottobre 28 Domenica calendario


Pio XII e la Rivoluzione ungherese

• Tre giorni dopo l’inizio della rivolta contro la dittatura di Mátyás Rákosi sostenuta dalle truppe sovietiche, papa Pacelli indirizza un’enciclica all’episcopato di tutto il mondo affinché siano indette pubbliche preghiere, in modo che «il carissimo popolo ungherese, afflitto da tanti dolori e bagnato da tanto sangue, come pure gli altri popoli dell’Europa orientale privati della loro libertà, possano felicemente e pacificamente dare un retto ordine alla loro cosa pubblica». Il 31 ottobre 1956, le autorità rimettono in libertà il primate d’Ungheria, cardinale Mindszenty, che aveva scontato ben otto anni di carcere. Il papa esulta ed esprime la propria grande gioia inviando un telegramma al porporato. Ma la rivolta contro i sovietici verrà soffocata nel sangue: il 4 novembre 1956 l’Armata Rossa entra a Budapest