Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  agosto 03 Venerdì calendario


Maristella Massari, giornalista esperta di marina, valuta che “tra la base di Taranto, il polo aereo di Grottaglie e quello ‘anfibio’ di Brindisi, si conta un numero di circa tredicimila militari e di poco meno di seimila civili al servizio della marina”

Maristella Massari, giornalista esperta di marina, valuta che “tra la base di Taranto, il polo aereo di Grottaglie e quello ‘anfibio’ di Brindisi, si conta un numero di circa tredicimila militari e di poco meno di seimila civili al servizio della marina”. L’equivalente, più o meno, dell’Ilva. Si ha però l’impressione che la gente della marina conservi una sua distanza nei confronti della città, che per così dire vi faccia scalo. Fra la siderurgia e la marina militare c’è un rapporto materiale, e anche uno metaforico, anticipato già nella “Preghiera del marinaio”, composta nel 1901 da Antonio Fogazzaro su richiesta del vescovo Bonomelli. La preghiera chiede fra l’altro al Signore: “Dà giusta gloria e potenza alla nostra bandiera, comanda che la tempesta ed i flutti servano a lei; poni sul nemico il terrore di lei; fa che per sempre la cingano in difesa petti di ferro, più forti del ferro che cinge le nostre navi, a lei per sempre dona vittoria”. Fogazzaro nacque e morì a Vicenza, visse sempre in città di terraferma e frequentò solo l’acqua dolce dei laghi, in cui faceva nuotare e affogare i suoi personaggi.