Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Andorno Micca (Biella) 21 settembre 1944. Artista.
• Uno dei protagonisti dell’Arte Povera. Cresciuto a Termoli, nel Molise, ha cominciato realizzando strutture con i tubi dalmine. «Mio padre era un costruttore e giravo insieme a lui per i cantieri, tra Foggia, Napoli, Vietri, Salerno, Bari Lecce. I miei lavori sono quasi un ritorno alla mia infanzia felice» (a Paolo Vagheggi).
• Una grande struttura di ferro, con una stella alta sei metri, una canoa che scendeva e saliva e due otri di porco che si gonfiavano e si sgonfiavano muovendo l’intera struttura, salutò l’arrivo del 1999 in piazza del Plebiscito a Napoli. «La chimica, l’elettricità, i meccanismi meccanici. E i materiali: polistirolo, rame, cuoio, piombo, cemento. Sono gli elementi che dagli anni lontani dell’esordio hanno sempre accompagnato la sua ricerca, la sua emozione, la combinazione di forze contrastanti. Che si materializzano nella figura di una stella a cinque punte, ossessivamente, maniacalmente riproposta da decenni in tutti i modi, contenuto e contenitore di soluzioni visive così ampio da riempire il cielo della sua immaginazione. La stella, dice Zorio, è ciò che da sempre l’uomo ha visto. Lui l’ha trovata incisa sulla corteccia degli alberi in Australia, su antichi papiri egiziani; nella cultura orale o scritta è ovunque: accompagna il viaggio dell’uomo ancorato qui sulla terra» (Nico Orengo).