Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Vignola (Modena) 6 agosto 1965. Regista. Esordio con un cortometraggio, Le belle prove (1993, Gabbiano d’argento al Festival di Bellaria), poi ripreso e sviluppato nel lungometraggio Nella mischia (1995). Seguirono A domani (1999) e Fuori di me (1999). Con Non pensarci (2007, protagonista Valerio Mastandrea) il successo di pubblico e critica: «Quello che poteva essere un ritratto nemmeno tanto originale dei mali della provincia diventa il quadro variegato e divertente di un Paese dove i luoghi comuni della finzione all’italiana sono aggirati, evitati o ribaltati (vedi il più giovane deputato d’Italia interpretato da Paolo Briguglia) mentre Zanasi usa gli stereotipi degli adulti che non vogliono crescere e che confondono i sogni con la realtà (o le battute da bar per discorsi seri) con una leggerezza e una ironia che conquistano» (Paolo Mereghetti). Da ultimo, sempre con Mastandrea, il film La felicità è un sistema complesso (2014).