Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

(Marion Michael Morrison) Winterset (Iowa - Usa) 26 maggio 1907 – Westwood (California - Usa) 11 giugno 1979. Attore americano. Regista.
• Nel 1916, per problemi di salute, suo padre decide di trasferire tutta la famiglia, a Lancaster, non lontano da Hollywood, in California. Tentano la fortuna costruendo un ranch ai bordi del deserto ma l’operazione fallisce. Marion è costretto a vendere i giornali per pagare le medicine al padre. È uno studente modello e un ottimo giocatore di football. Lo sport gli vale una borsa di studio alla University of Southern California. Nel 1926, Tom Mix lo aiuta ad entrare alla Fox come facchino e gli presenta John Ford. Nel ’28 fa la comparsa in La grande sfida. La prima volta che appare nei titoli di coda sotto il nome di John Wayne è in Il grande sentiero prima di allora usava il nome del suo cane “Duke”. Sono gli Studios Republic a fare di lui la star del Western con film come Romanzo nel west, Eroi senza patria. La prima parte da protagonista la ottiene Ombre rosse di John Ford.
• Nel 1946 divorzia dalla prima moglie, Josephine Saenz, con la quale ha avuto quattro figli e sposa Esperenza "Chata" Baur, matrimonio durerà sette anni. Nello stesso anno, John Wayne produce il film di James Edward Grant L’ultima conquista poi recita in Fiume rosso (1948), Il massacro di Fort Apache (1948); Rio Bravo (1950); Un uomo tranquillo (1952);
• Nel 1953, dopo essersi separato da Esperanza, convola a nozze con Pilar Pallette. John Wayne crede molto nella famiglia del resto con tre mogli e sette figli sulle spalle non può essere altrimenti. Ha un carattere forte, in casa urla spesso. È un vizioso: divora salami, pancetta, bistecche alla brace molto cotte. Di notte ama saccheggiare silenziosamente il frigorifero. Beve Whisky e tequila liscia («Non ho mai creduto in un uomo che non beve»). Fuma da tre a sei pacchetti di Camel senza filtro al giorno. Non smette neanche quando nel 1963 gli viene tolto un polmone cancerogeno. E’ un incallito giocatore di poker.
• Nel 1960 John Wayne tenta il tutto per tutto ed investe il suo intero patrimonio per realizzare La Battaglia di Alamo. È un vero capolavoro. • Nel 1969 ci riprova producendo Berretti verdi ma l’America non è ancora pronta per un film patriottico sul Vietnam e il film viene completamente distrutto dalle polemiche.
• Il 7 aprile del 1970 riceve il suo unico oscar per Il grinta. I problemi di salute si fanno sentire ancora e nel 1973 subisce un intervento a cuore aperto e nel 1979 gli asportano un pezzo dello stomaco. Entra ed esce in continuazione dagli ospedali ma, ad aprile, è presente alla cerimonia degli oscar per consegnare a Michael Cimino il premio alla miglior regia. Due mesi dopo, l’undici giugno, i giornali titolavano «Mr. America è morto».