Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  ottobre 23 Lunedì calendario

• Milano 10 giugno 1974. Attore. «Capostipite di un’intera generazione di tronisti» di Uomini e donne (edizione 2003-2004) (Serenella Mattera) [Rif 21/5/2009].
• Figlio di Orazio, guardia giurata, e Rosa. «Siamo di San Martino Valle Caudina, provincia di Caserta. Io ho fatto le medie e due anni di tecnico industriale al Feltrinelli. A 16 anni sono andato a lavorare al bar di mio zio, in piazza Cordusio. Tra i clienti c’erano Paolo Rossi e Jannacci che mi hanno chiamato nel loro locale, il Bolgia umana. Non come attore; lavavo i bicchieri. Ho fatto un po’ di tutto, tranne il gigolo. Spogliarellista. Elettricista. Fitting, indossatore cui disegnano addosso i costumi da bagno. Ragazzo immagine nelle discoteche. Modello».
• «La mia prima esperienza sessuale l’ho avuta a 14. Quando lavoravo nei locali, ogni notte stavo con una diversa. Che fosse sesso o amore, lo si faceva. Dove capitava: nei bagni, in macchina, nei camerini, per le scale, in palestra» (a Carola Uber) [Chi 19/02/2014].
• «Velino a Viperissime, esordio tv, una trasmissione di Antenna 3 in cui due giornaliste mimavano Striscia la notizia. Cantante in La sai l’ultima? con Natalia Estrada, “cantavamo in italiano cover un po’ taroccate, Light my fire diventava Vuoi essere mia?”. Valletto di Simona Ventura a Quelli che il calcio. “È stato bello lavorare con il signor Fazio, il signor Teocoli, la signora Ventura. Sono stati tutti molto buoni con me. Poi è arrivata Maria”» (Aldo Cazzullo).
• La De Filippi: «Il mio gioco si chiama Uomini e donne. C’era una ragazza sul trono, Lucia, e trenta ragazzi che la corteggiavano. Costantino era il più scafato, e il più sgarbato. Subito disse a Lucia: non mi piaci. Le accarezzava i capelli ma non le sorrideva. Le faceva un complimento e una critica. Il pubblico femminile lo odiava, eppure ne era attratto. Non so bene il motivo, temo sia perché ogni donna pensa: con lei fa così, ma con me sarebbe diverso».
• Per anni nella scuderia di Lele Mora (famosa una sua foto dove lui e Daniele Interrante massaggiano i piedi all’ex agente). I rapporti tra i due successivamente s’incrinano: «Non era più un manager. Era un personaggio. Me lo trovavo in concorrenza nelle discoteche. Non sono un traditore: non sono andato in un’altra agenzia come hanno fatto gli altri» (a Mirella Dosi) [Ogg 13/10/2010]. Lo abbandona nel 2008 dopo il proscioglimento nell’inchiesta Vallettopoli. Commento di Mora: «Faccia pure, la strada è larga» (a Sara Faillaci) [Vty 26/11/2008].
• «Io ero protetto da una persona più potente di Lele Mora (...), Maria De Filippi. È grazie a lei e Maurizio Costanzo che sono diventato Costantino. Lele non mi ha inventato, mentre io l’ho arricchito» [a Dosi, cit.].
• «Mi dispiace molto, è un amico» (così il giorno dell’arresto dell’agente per il caso Ruby nel 2011) (Gianni Santucci) [Cds 21/6/2011].
• Nel 2010 protagonista di un insolito reality: per due mesi vive in una vetrina in Viale Monza a Milano. Nello stesso anno annuncia la preparazione di Narciso, «documentario, senza censure, sugli anni d’oro trascorsi accanto a Mora» [Chi 23/3/2011]. «Per anni ho girato con una telecamera in mano. Volevo documentare quel che mi accadeva. Ho 60 ore di girato. Farò vedere chi ero e come sono diventato (...) Chi non autorizzerà la messa in onda verrà oscurato in viso. Ma la gente capirà lo stesso chi è. Si vedranno cose che nessuno ha mai mostrato. L’epoca dell’ipocrisia è finita» [a Dosi, cit.]. Non se ne sono più avute notizie.
• Appare nei film Troppo Belli (2005, di Ugo Fabrizio Giordani, pesantemente stroncato da una recensione di Jay Weissberg apparsa su Variety), Vita Smeralda (Jerry Calà, 2006) e Vacanze a Gallipoli (Tony Greco, 2001). Ancora in tv nel 2011 a Baila!, dove si classifica primo in coppia con Elisabetta Gregoraci: «Costantino è un bravo ragazzo, anche se va preso a piccole dosi. All’inizio non mi era simpatico, ma l’ho rivalutato» (Gabriele Parpiglia) [Chi19/10/2011]. Nel 2012 in radio con un programma giornaliero su Studio Più. Da ultimo concorrente al Grande Fratello Vip (settembre 2016, Canale 5).
• «Sono arrivato alla terza media ma il libro Costantino desnudo ha venduto 280 mila copie»: è la sua biografia, scritta da Alfonso Signorini (Maestrale Company 2004). Altro libro su di lui: Costantino e l’impero, scritto a quattro mani da Michele Monina e Giuseppe Genna (Marco Tropea Editore 2005).
• Agli inizi degli anni Duemila averlo ospite in una discoteca costava 12 mila euro l’ora (Gabriella Sassone) [N20 25/12/2008].
• Ipocondriaco: «Un giorno ero a casa con Linda (Santaguida – ndr) e sono svenuto. Un attacco di panico. Lele Mora, che abitava sotto, è arrivato e ha chiamato l’ambulanza (stranamente senza avvisare i fotografi di Corona, cosa che faceva regolarmente con tutti i suoi artisti). Da quel momento ho iniziato a star male, non controllavo più mente e corpo, vivevo con lo Xanax in mano e andavo tutti i giorni all’ospedale a farmi visitare: stavo bene solo lì. Volevo anche comprarmi la macchina della Tac... Era come se volessi essere malato. Sono dovuto andare in Spagna, lontano da tutto e da tutti, per iniziare a stare meglio. E intanto intorno a me sono spariti tutti, Mora compreso. Meglio così: oggi io sto bene, loro non so» (a Uber cit.).
• Genio e fortuna: «Maria de Filippi è quella a cui devo di più, un genio: vedeva che funzionavo e senza darmi dritte ha iniziato a sfruttarmi più che poteva. E con lei Maurizio Costanzo. In due, facevano il palinsesto di Canale 5 e quand’erano in onda portavano Costantino: mattina e sera lui, pomeriggio lei. Mi usavano, è vero, ma io intanto ingrassavo le chiappe. Solo che per l’adrenalina dormivo tre ore a notte. Lele Mora no, lui è stato solo fortunato. Bravo no. Se lo fosse stato non avrebbe avuto i problemi che ha» (a Uber).
• Nel 2014 ha recitato nel film diretto da Lory Del Santo The lady.
• Dal 2004 al 2005 è stato fidanzato con Alessandra Pierelli, anch’essa protagonista di Uomini e donne (erano soprannominati i «fidanzatini d’Italia» [N20 19/8/2010]). Poi, tra alti e bassi, con Linda Santaguida (storia finita perché lei voleva una famiglia e a lui venivano gli attacchi di panico). Seguono la vocalist Caroline Koch e la modella italo-domenicana Maria Teresa Frankville. Nel maggio 2013 viene paparazzato per le vie dello shopping milanese con Tania, misteriosa ragazza di origini moldave. Ha una figlia, Ayla (9 settembre 2015), con Elisa Mariani, indossatrice.
• «Gli amici con cui giocavo a calcio da piccolo sono quasi tutti in galera, o appena usciti. Qualcuno non c’è più».
• «Sono nato in periferia, la droga l’ho conosciuta presto. Ecco perché poi me ne sono tenuto alla larga. E alle famose cene con le “gnocche” non sono mai stato invitato perché sono un uomo. E bello. Avrei rovinato la piazza» [a Dosi, cit.].