Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• (Pier Lombardo) Zug (Svizzera) 15 giugno 1944. Giornalista. Ex vicedirettore del Tg5. «Io l’ho detto al cavaliere, facciamo qualche epurazione a Mediaset dove c’è senz’altro bisogno, tanto la Rai s’aggiusta da sé» (nel 2001 a Pietrangelo Buttafuoco). Dal 2010 al 2013 presidente di Telecom Italia Media Broadcasting.
• Nel 2012 eletto sindaco di Ponza (a capo di una lista civica), isola dove trascorre le sue vacanze da più di quarant’anni. «Ormai domina il dettaglio, pilota il cambiamento, detta la rotta e impone la legge come solo il re di Ponza può fare. “Voglio trasparenza, ho fatto il bando pure per un’altalena da 300 euro, ‘na fatica bestiale. Avremo presto una reliquia di Padre Pio: un pezzo del saio, forse. Anche se l’isola è devota a San Silverio, l’unico papa figlio di papa”. Ponza è un’isola di mondo, e il suo re ci pensa mentre scruta Roma all’orizzonte. “Com’è l’Italia vista da qua? Solo casino” chiude solenne» (Chiara Paolin) [Fat 14/7/2013].
• Figlio dello scrittore, giornalista, critico letterario Giancarlo (1913-2005), ha lavorato a Tempo Illustrato e al Messaggero. Primo grande successo in tv Detto tra noi (Raidue 1991), dal 1994 al 1996 fu direttore dei telegiornali regionali, nel 1997, passato alle reti Mediaset, condusse Lex - Storie di quotidiana ingiustizia(Italiauno), diresse Verissimo (Canale 5), poi Parlamento in e Miracoli (entrambi su Retequattro, il secondo con Elena Guarnieri). Da vicepresidente della Federazione della stampa (1975-1983) creò la corrente scissionista “Svolta professionale” (legata al Psi di Bettino Craxi).
• «Mi avevano rinchiuso in via Teulada, fra i comunisti più arcigni. C’era Michele Santoro , mezza Rai3. Può capire. Era il ‘94, sfottevano. E io mi presi un’enorme soddisfazione sventolando il vessillo di Forza Italia in faccia a chi contestava il Cavaliere, festeggiavo una vittoria straordinaria» (a Carlo Tecce).
• «Detto “Vampirelli”» (Denise Pardo).
• Sposato, un figlia, Ilaria (1978), anche lei giornalista a Mediaset.