Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• Milano 16 giugno 1951. Presidente della Commissione nazionale per la società e la borsa (Consob, dal 2010). Politico. Eletto al Senato nel 1996, 2001, 2006, alla Camera nel 2008 (Forza Italia, Pdl). Sottosegretario all’Economia nel Berlusconi II, III (2001-2006) e IV (2008-2009) e viceministro dell’Economia nel 2005-2006 e nel 2009-2010. Esperto in Finanziarie.
• «È un tecnico con la passione della politica. E proprio non riesce a non dire la sua anche su questioni che non sono di stretta competenza di chi dovrebbe limitarsi a sorvegliare il corretto funzionamento dei mercati. Il debito pubblico e il rischio fallimento dell’Italia, la liquidità delle banche e lo shopping straniero di aziende nostrane. Su questi temi, e altri ancora, il presidente della Consob si è conquistato spazi e titoloni sui giornali. Un bersaglio grosso, forse il più grosso di tutti, era il Monte dei Paschi. Ma quando è stato chiamato in causa in una vicenda così scottante l’ex politico di osservanza berlusconiana catapultato al vertice dell’Authority finanziaria si è messo subito sulla difensiva. Costretto a giustificare ritardi e omissioni nell’intervento della Consob» (Vittorio Malagutti e Luca Piana) [Esp 3/5/2013].