Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  luglio 16 Lunedì calendario

• (Virginia Maria Minnetti) Canzo (Como) 1 luglio 1949. Cantante. Esordio nel 1968, suo più grande successo Comprami (1979). Altri titoli: Sera coi fiocchi (1981), Romantici (1982), Barbiturici nel tè (2006, ultimo lavoro di Bruno Lauzi). Più di recente gli album Alleati non ovvi (2010), Panna, fragole e cipolle (2012) e Rose e Chanel (2013). Ha fatto anche la modella (conquistò due copertine di Playboy) e qualche film: Delitto sull’autostrada (Bruno Corbucci 1982), Due strani papà (Mariano Laurenti 1983) ecc. Nel 2006 partecipò al reality Music Farm. Nel 2007 il debutto a teatro con la commedia musicale La surprise de l’amour (da Marivaux). Moglie di Marco Marsili, è stata sposata con Riccardo Fogli. Sostiene da attivista le lotte della comunità gay (ne è diventata un’icona, la si è vista spesso al Mucca a Roma): «Non so neanche come è accaduto, è che ascoltavo tante storie, soprattutto di ragazzi che non riuscivano a comunicare quello che si sentivano. Storie di dolore autentico». Contro l’omofobia ha scritto il brano Domani è un altro giorno.
• «“All’epoca Comprami mi ribaltò la vita. Non ero stimata come cantante, ero solo una bella ragazza che arrivava dalla moda”. (…) Negli anni 80 era di moda darsi un nome d’ arte. Venne fuori Viola, il cognome fu scelto sfogliando le Pagine Gialle» (Roberto Rizzo) [Cds 29/4/2010].
• Nel 2013 candidata con la lista Pirati del Grillo alle elezioni comunali di Aviatico: «A me non interessa la politica, mi sono candidata perché voglio lottare per l’arte, il sociale, la musica, i diritti degli omosessuali, il testamento biologico, la mutua per gli animali». Temi grossi per un paese di 515 abitanti. «Si comincia sempre dal basso. È importante anche una realtà piccola e che conosco bene come quella di Viatico». Quando sulla lista fu aperta un’inchiesta per il sospetto che fossero state falsificate le firme per correre alle elezioni dichiarò: «Io ho sostenuto la lista per aiutarli, ma non so niente delle firme e nemmeno di dove si trovasse Aviatico» (Fabio Paravisi) [Cds 22/5/2013 e 30/10/2013].