Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Roma 4 agosto 1929. Soprano. Si rivelò accanto a Beniamino Gigli nella Forza del Destino (1952) per poi affermarsi in Italia e all’estero soprattutto come interprete di Verdi e Puccini.
• «Sono romana al cento per cento, trasteverina allegra o drammatica, e a Roma sono sempre tornata anche quando raccoglievo tanti trionfi all’estero. Al cuore della mia attività musicale c’è sempre stata la forza dell’interpretazione, la cura dello stile. Bambina ho "divorato" il primo spartito dalla prima all’ultima pagina. Sono dell’idea che bisogna innanzi tutto appropriarsi della trama, capire cosa ha scatenato l’ispirazione del compositore, poi imparare al piano la parte, formarsi nella tecnica ma specialmente entrare fisicamente nel personaggio. Tutta la vita ho cantato in teatro, in presa diretta con il pubblico. Qualche cifra? Non ho a mente il conto degli spettacoli, salvo forse i numeri del Metropolitan tra il ’60 e il ’73: 259 recite con 20 opere in 13 stagioni. Ma le cifre della Scala o del Costanzi non sono da meno. Una serata particolare? In Ernani alla Scala in onore di De Gaulle, nel 1959 con Corelli, sul podio Votto» (a Luigi Bellingardi) [Cds 12/11/2004].