Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

Livio Togni

Biografia di Livio Togni

• Milano 28 ottobre 1950. Domatore. Imprenditore circense. Ex senatore di Rifondazione comunista (2001-2006).
• «La pecora nera del circo tradizionale italiano. Intanto perché è molto rosso: dal 2001 è senatore di Rifondazione Comunista, quasi uno scandalo in un ambiente conservatore come quello del circo. Poi perché alla fine degli anni Ottanta decise di montare uno spettacolo troppo moderno, quel Florilegio che andò in giro in tutta Europa e meritò l’attenzione e gli applausi anche dei colleghi del Cirque du Soleil. Pur mantenendo gli animali e i numeri acrobatici, Livio Togni (domatore) osò un gesto rivoluzionario: prese in giro il circo tradizionale, ne colse l’ironia, ne sottolineò il gioco» (Laura Putti).
• Nel 2006 lasciò Rifondazione («Basta con i simboli patinati della trasgressione come Luxuria. Bertinotti faccia il comunista vero e si occupi una volta tanto dei diversi e dei diseredati») e si candidò con la Lega-Mpa come capolista alla Camera in Molise, annunciando la sua svolta alla presenza di cinquanta capi tribù sinti e rom. Non fu eletto.
• «Le famiglie sono divise tra chi pensa che sia giusto cambiare e chi lo vede come un tradimento. Io credo che si debba fare crescere il pubblico, spostarne il giudizio. Aspetto un ricambio generazionale e una nuova partenza del circo italiano. Sento che nei giovani c’è già la necessità, non temono il nuovo».