Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  giugno 26 Lunedì calendario

• Livorno 19 maggio 1950. Giornalista. Politico. Figlio di un militare statunitense e di un’italiana, eletto alla Camera nel 1987 con i Radicali. «Cresciuto alla scuola radicale dopo una breve giovinezza liberale, divorzista, abortista, antiproibizionista prima di tutti, tenacemente anticomunista, dopo dieci anni di rassegna stampa su Radio Radicale, viene definitivamente scelto da Pannella per una carriera parlamentare rapida e brillante: nell’89 a Strasburgo, nel 92 alla Camera, nel 94 presidente della Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai, a far da guardiano al settore strategico della tv, dell’informazione. Ma Taradash, livornese con la faccia da mandarino, apparentemente freddo e grande tessitore, già si appassionava alla moderazione fruttuosa del Polo e sempre meno alle intemperanze vulcaniche di Pannella» (Concita De Gregorio). Eletto alla Camera nel 1996 con Forza Italia. Fondatore, con Peppino Calderisi, Benedetto Della Vedova e Carmelo Palma dei Riformatori Liberali, di cui era portavoce. Nel 2009 si candidò sindaco di Livorno, ma non arrivò al ballottaggio. Nel 2010 eletto nel consiglio regionale della Toscana (Pdl). Nel novembre 2013 aderì al Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano.
• In tv ha condotto tra l’altro La zona rossa (Retequattro): «Quando sono uscito da Montecitorio mi sono guardato intorno, ho chiesto, bussato, atteso. Poi un giorno Parenzo, l’editore illuminato di Telelombardia, mi offre la conduzione di Iceberg, che fu di Daniele Vimercati. Non conoscevo il mezzo, mi sono dovuto inventare tutto, ma i risultati non sono stati strazianti».
• Tra il 2007 e il 2008 ha diretto 11 minuti, rassegna stampa on-line.
• Ha lavorato alla Tv delle Libertà di Michela Vittoria Brambilla, chiusa dopo soli sei mesi.