Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Torino 1 ottobre 1952. Artista.
• Figlio, nipote e pronipote di fabbri, ha studiato all’Istituto Paravia di Torino. Decisiva per gli sviluppi del suo percorso artistico l’amicizia con Maurizio Corgnati. Scrive anche poesie, apprezzate (per esempio) da Giorgio Calcagno, Fabrizio Dentice, Giampaolo Dossena, Lodovico Terzi. Ha pubblicato vari libri d’artista tra cui uno illustrato da Weiner Vaccari, uno da Victor Kastelic, uno con Gareth Fisher e uno con Aldo Mondino. «Fabbro di cancelli e ringhiere nell’officina paterna, scultore, nel retrobottega di uno sterminato zoo in progress, animato da creature alate e striscianti. A colpi di fiamma ossidrica e martello Tamburelli, per molti anni assistente di Aldo Mondino nelle sue giocherie, mette in scena chimere e gigantesche rane rugginose, pesci di risaia dagli occhi immensi e stupefatti, monumenti alla zanzara, uno dei quali troneggia nella corte di casa di Sebastiano Vassalli» (Nico Orengo). Vive e lavora a Saluggia (Vercelli). (a cura di Lauretta Colonnelli).