Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Belluno 26 ottobre 1939. Imprenditore. Dal 1993 al 2010 presidente del gruppo Safilo, società fondata nel 1934 dal padre Guglielmo e passato nell’ottobre 2009 sotto il controllo degli olandesi di Hal Holding. Ai vertici mondiali nella produzione di montature da vista e occhiali da sole di alta gamma, grande concorrente di Luxottica, produce su licenza Gucci, Christian Dior, Marc Jacobs ecc., nel 2002 strappò Giorgio Armani al gruppo di Del Vecchio, che si è vendicato sfilandogli Ralph Lauren, Burberry, Stella McCartney.
• «Il punto di svolta definitivo fu il 19 febbraio di due anni fa quando il presidente di Safilo, Vittorio Tabacchi e il suo vice, il figlio Massimiliano assieme al consigliere di amministrazione Ennio Doris rassegnarono le dimissioni dall’azienda. Finiva un’era, in quel momento, con l’uscita di scena della famiglia che, fino ad allora, sia pure con alterne vicende, era riuscita a mantenere saldamente il controllo della società fondata nel 1934 a Pieve di Cadore da Guglielmo Tabacchi. Un pioniere che da emigrante negli Usa era tornato pieno di idee e di progetti. Rilevata un’azienda di lenti e montature nata nel 1878, il marchio Safilo nasce in pieno clima autarchico. Safilo sta per “Società anonima fabbrica italiana lavorazione occhiali” e tale rimarrà fino ai giorni nostri. Ma quel 19 febbraio del 2010 è una data storica per la famiglia del fondatore, costretta a cedere il timone al gruppo olandese Hal. Vittorio Tabacchi tra il 2000 e il 2001, dopo un periodo di forte tensione con i fratelli Giuliano e Dino per la diversa visione sulle alleanze e sullo sviluppo di Safilo, decide di rilevare le loro quote, circa il 47% del capitale e di assumere da solo la guida della società. Uno sforzo enorme sostenuto con alcuni colossi della finanza internazionale, ma che fin da subito viene percepito come un’operazione troppo azzardata, favorita dal clima spregiudicato di quegli anni quando una società in via di start-up, come Tiscali, giusto per ricordare un esempio, era prezzata dal mercato più di Fiat. Anche Safilo, purtroppo, finisce nella bolla. In seguito iniziano i vari tentativi di rimettere in sesto l’azienda con repentini cambi di management» (Mauro Pertile) [Il Mattino di Padova 12/5/2012].
• «Colleziona occhiali vintage appartenuti alle star nel suo museo personale» (Maria Teresa Veneziani) [CdS 10/4/2010].
• Sposato, due figli.