Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 19 Martedì calendario

• Belmonte Mezzagno (Palermo) 1 luglio 1934. Mafioso. Arrestato nel 2001.
• «Passato da pecoraio a manager degli appalti pubblici. Condannato per le stragi del 1992, si può dire che non è un boss inventato dal nulla. La sua carriera criminale è simile a quella di tanti altri “colonnelli” di stretta osservanza corleonese che dalla campagna palermitana hanno scalato i vertici di Cosa nostra. Prima obbedendo agli ordini spietati di Riina, poi assecondando gli affari silenziosi di Provenzano, del quale è diventato, secondo gli inquirenti, il “consigliori” più fidato» (Lirio Abbate).