Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 28 febbraio 1935. Giornalista. Politico, ex deputato e senatore, oggi membro della direzionw del Partito radicale, alla fine degli anni Sessanta ne fu anche segretario. Lasciò il partito all’inizio degli anni Novanta e tornò dopo 14 anni, nel novembre 2006: Pannella lo voleva presidente ma lui rifiutò, «sarebbe inopportuno». Oggi è impegnato in una rilettura degli scritti di Leonardo Sciascia.
• Laureato in Giurisprudenza alla sapienza di Roma con il massimo dei voti. Giornalista professionista (ha lavorato all’Agi), tra i fondatori del partito Radicale (è in politica dal 1955).
• Nel giugno del 1975 venne arrestato per una disobbedienza civile, organizzata dal CISA e attivamente sostenuta dal Partito Radicale, contro la legge italiana che vietava l’aborto.
• «Questi referendum che Grillo organizza su vari temi sono ridicoli. (…) Io sono una persona che crede che la democrazia parlamentare debba essere integrata da forme di democrazia diretta. E sono convinto che in questo quadro il web possa essere utilmente utilizzato, ma deve essere regolamentato, non può essere affidato all’autogestione di un singolo partito. Quello che posso dire è che alcuni meccanismi autoritari sono molto pericolosi e vedo nei grillini il rischio di diventare degli apprendisti stregoni che non controllano più quello che mettono in movimento».
• È stato Garante del Comune di Roma per i diritti delle persone private della libertà (2006-2008).