Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

Marina Spada

Biografia di Marina Spada

• Milano, 15 novembre 1957. Regista. Lavora per la tv e per il cinema. Laureata in Storia della Musica e diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica del Piccolo Teatro a Milano, comincia negli anni ’70 a occuparsi di musica, lavorando anche a Canale ’96, la prima radio italiana di sinistra. Nel 1984 esordisce al cinema come aiuto regista con il film Non ci resta che piangere di Roberto Benigni e Massimo Troisi. Il suo primo film Come l’ombra (2006) ha vinto l’Astor d’argento alla 22esima edizione del Festival cinematografico internazionale di Mar del Plata. «Rivela una maturità e una profondità rare nel cinema italiano. I riferimenti sono ad Antonioni, alla pittura di De Kooning, ma è soprattutto la capacità di dare vita ai sentimenti più nascosti delle due protagoniste ad affascinare» (Paolo Mereghetti). Regista anche in Poesia che mi guardi (2009) e Il mio domani (2010) presentato al Festival internazionale del Film di Roma 2011.
• Dopo l’omaggio a Nanni Balestrini con Forza cani (2002) e dopo Come l’ombra, suggellato dai versi di Anna Achmatova, mette di nuovo la poesia al centro di un suo lavoro: in preparazione un film sulla vita di Antonia Pozzi, scrittrice e poetessa milanese morta suicida nel 1938 a 26 anni.