Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  maggio 23 Mercoledì calendario

• Boscoreale (Napoli) 16 maggio 1948. Vescovo. Di Assisi (da novembre 2005).
• «La sua nomina a vescovo di Assisi con poteri sul Sacro Convento ha fatto insorgere il popolo della pace» (Giacomo Galeazzi).
• «Non sono che il Vescovo di Assisi-Nocera Umbra e Gualdo Tadino, al quale la vita pastorale delle Basiliche pontificie è stata affidata per un miglior coordinamento operativo. È un assetto che non toglie l’attenzione speciale che la Santa Sede riserva a questa grande realtà francescana, continuando ad esprimerla attraverso il ruolo “morale” di un cardinal legato».
• Nel 2009 negò il sagrato della Basilica di Assisi a Dario Fo, invitato dal sindaco della città e dai frati francescani a tenere la lezione-spettacolo Giotto o non Giotto, nella quale il premio Nobel cerca di dimostrare che i dipinti della Basilica non sarebbero di Giotto, ma sarebbero da attribuire ad altri pittori dell’epoca, soprattutto a Pietro Cavallini.
• Studioso dell’opera dell’economista cattolico Giuseppe Toniolo (1845-1918), del quale è stato il postulatore della causa di beatificazione, e al quale ha dedicato diversi libri: l’ultimo è Giuseppe Toniolo. Una chiesa nella storia (Vita e pensiero 2012).