Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Jaú (Brasile) 3 luglio 1939. Ex calciatore. Attaccante, col Milan vinse uno scudetto (1968), una coppa delle Coppe (1968), una coppa dei Campioni (1969), una coppa Intercontinentale (1969). Prima aveva giocato con Mantova, Roma, Sampdoria, poi Vicenza e Fiorentina. Sette presenze e 2 gol con la Nazionale. 15° nella classifica del Pallone d’oro 1969.
• Nonno di Rovigo, per madre una Gobbi. «Ho giocato contro el mio Brasile. Era il maggio del 1963: fu l’esordio di Mazzola. E c’erano Rivera, Bulgarelli, Corso nel secondo tempo, Trapattoni che marcava Pelè, ma Pelè andò fuori dopo venti minuti. Jo ho fatto il primo gol. Molto felice, molto triste: avevo due anime. Al paese dove sono nato me volevano linciare» (da un’intervista di Gabriele Romagnoli).
• «Ciondolò una vita sugli assist ispirati di Gianni Rivera accumulando con il Milan di Rocco una striscia impressionante di successi, in Italia e all’estero. Ve lo ricordate come stese l’Ajax di Cruyff nella finale di Madrid?» (Franco Ordine).