Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 2 aprile 1954. Critico letterario. Direttore di Rai Radio3 (dal 3 agosto 2009), da anni parla di libri a Fahrenheit, trasmissione di culto di Radio3 da lui ideata nel 99, ma anche a festival della letteratura, incontri, presentazioni, «dovunque ci sia da promuoverli e farli amare» (Carlo Annese). Dal gennaio 2014 presidente del Teatro di Roma.
• Ha scritto Pulp. La letteratura nell’era della simultaneità (Donzelli 1997), ha condotto la “conversazione a più voci” con Natalia Ginzburg in È difficile parlare di sé (Einaudi 1999). Nel 2014 è uscito il suo ultimo libro, Un millimetro in là. Intervista sulla cultura (Laterza), curato da Giorgio Zanchini.
• «Non leggo libri né sul Settantasette né di calcio, perché ne so più di quelli che scrivono». Grande conoscitore di calcio, in effetti, e di Lazio in particolare: «Ho fatto la prima trasmissione sui libri a Radio3 nel 90 proprio sul calcio. Si chiamava La pagina è rotonda. Allora erano molto pochi quelli che scrivevano di calcio (...) Il calcio non è semplice: è un epos particolare, molto fragile. Non è la guerra né l’amore: è facile infrangerlo con un eccesso di cronaca o di lirismo, banalizzarlo o pervertirlo».
• Figlio di un tranviere e di una casalinga, ex di Lotta continua, fu tra i fondatori della rivista Linea d’ombra. Una figlia (1984).