Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  maggio 23 Mercoledì calendario

Ettore Sequi

Biografia di Ettore Sequi

• Ghilarza (Oristano) 13 febbraio 1956. Diplomatico. Ex ambasciatore in Afghanistan. Rappresentante Ue. Dall’aprile 2014 capo di gabinetto al ministero degli Esteri (Governo Renzi), nominato da Federica Mogherini.
• «Il periodo in cui è stato ambasciatore durante la guerra in Afghanistan, dal 2004 al 2008 è stato scandito dalle drammatiche vicende dei sequestri di connazionali, dalla cooperante Cantoni al giornalista Mastrogiacomo, su cui ha sempre accettato di “mettere la faccia” scegliendo la linea della massima trasparenza possibile con i giornalisti. La sua profonda conoscenza dell’Islam e la passione per il Paese asiatico spinsero l’Ue a chiedergli di rimanere altri due anni a Kabul come inviato speciale. Poi, sempre nell’ottica dello spirito di servizio (che ha ereditato dal padre medico), Sequi è partito per Tirana quando nel 2011 Bruxelles si è dotata di un servizio diplomatico vero e proprio» (Stella Prudente) [Il Messaggero 16/7/2013].
• Di origini sarde, ha raccontato di aver regalato il coltello di Pattada ad Hamid Karzai, primo presidente eletto dell’Afghanistan.