Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  ottobre 19 Giovedì calendario

SEMPRINI Gianluca

• Roma 31 agosto 1970. Giornalista. Da settembre 2016 conduttore di Politics, talk show di prima serata di Raitre. In precedenza a Sky Tg24.
• «Ha fatto una dura gavetta, di quelle che ti formano. Tanto lavoro nelle radio della capitale (Radio Rock e Italia Radio), alle quali ha sempre affiancato varie pubblicazioni e collaborazioni. Sempre da freelance, però. Infine l’approdo a Sky. Una partenza in sordina, dettata dallo stile sobrio del giornalista, ma sufficiente a cementare la sua professionalità. A Sky Semprini ha iniziato con il Tg, per poi passare agli appuntamenti speciali. I colleghi lo definiscono un “giornalista scrupoloso e attento ai particolari”. Dettagli che gli hanno fatto guadagnare la stima del direttore Varetto, ossessionata dal modello televisivo inglese» (Renato Stanco) [Lettera43 2/1/2013].
• «Uno che da ragazzo non sapeva di voler fare il giornalista, ma sapeva di non voler lavorare nell’impresa di ristrutturazioni edilizie in cui suo padre l’aveva impiegato nei ritagli di tempo, motivo per cui Semprini a un certo punto si convinse che gli studi di Sociologia fossero la miglior via di fuga. Il resto arrivò quasi per caso: la collaborazione con riviste locali su temi sportivi, la radio e il periodo di apprendistato-lampo: a Semprini capitò infatti di venire a sapere da un amico, nei giorni di passaggio Stream-Telepiù-Sky, che gli “australiani cercavano gente”. Detto e fatto: gli aspiranti candidati anchorman e cronisti si ritrovarono buttati in campo in tutti i ruoli a rotazione, con esaminatori stranieri incaricati di captare il potenziale televisivo di questo e di quello. A Semprini andò bene: conduttore subito, anche per via dell’esperienza accumulata in radio, dove aveva imparato a riempire gli eventuali “vuoti”.» (Marianna Rizzini) [Foglio 15/6/2016].
• Ha pubblicato due libri sulla strage di Bologna e sul caso di Luigi Ciavardini, in cui contesta la strategia di destra come matrice della strage (La strage di Bologna e il terrorista sconosciuto, Bietti, 2003; La strage di Bologna. Luigi Ciavardini: un caso giudiziario, Editrice Barbarossa, 2005). Con Mario Caprara ha scritto altri due libri sugli anni di piombo e sul terrorismo di destra in Italia (Destra estrema e criminale, Newton Compton, 2007; Neri! La storia mai raccontata della destra radicale, eversiva e terrorista, Newton Compton 2009).
• Quattro figli, uno dal primo matrimonio e tre dal secondo, di cui due gemelli.
• Tifoso della Roma.