Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Biella 12 maggio 1942. Banchiere, presidente di Banca Sella. Ex presidente dell’Abi (1998-2006).
• «Discendente di quel Quintino Sella, più volte ministro delle Finanze (negli anni 1862, 1863, 1869 e 1873), che puntò al pareggio del bilancio statale con una serie di misure restrittive (la storica tassa sul macinato)» (Ludina Barzini).
• «La banca è stata fondata nel 1886 da sette maschi: i quattro figli di Giuseppe Venanzio Sella e i tre figli del fratello Quintino Sella. Mio padre discende da Giuseppe Venanzio, mia madre da Quintino. Oggi i discendenti dei sette fondatori, circa 100 persone, sono tutti azionisti, tranne i pochi che hanno venduto la loro quota».
• Sposato con Maria Gabriella Costa, due figli.