Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Napoli 14 gennaio 1932. Ex magistrato. Fu tra l’altro presidente del Tribunale di Roma (1997-2006). Indicato dal Pdci, fu sottosegretario alla Giustizia nel Prodi II (2006-2008), qualche settimana da ministro dopo le dimissioni di Clemente Mastella e l’interim di Romano Prodi. Dal maggio 2008 fu uno dei cinque nuovi assessori comunali a Napoli, custode della legalità dell’attività amministrativa nella giunta guidata dal sindaco Rosa Russo Iervolino.
• Nel gennaio 2007 presentò una proposta di riforma per punire i magistrati che non rispettano i termini stabiliti nelle udienze, sostenendo la necessità di «semplificare il processo ma anche responsabilizzarne i protagonisti». Da guardasigilli intervenne più volte contro le cosiddette scarcerazioni facili e avviò sette azioni disciplinari in meno di un mese per contrastare «il pericolo di una deriva impiegatizia nella magistratura».
• «Negli ultimi lustri è stato tra i magistrati più esposti nel denunciare gli attacchi del potere politico all’indipendenza della sua categoria. In prima fila negli scioperi contro la riforma del governo Berlusconi e a difesa dell’autonomia di giudici e pubblici ministeri. Rappresentante storico di Unità per la costituzione, la corrente moderata e maggioritaria delle toghe» (Giovanni Bianconi).