Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 11 Lunedì calendario

• Torino 31 maggio 1964. Manager. Amministratore delegato dell’Ifil (la finanziaria del gruppo Agnelli) dal febbraio 2006 e di Exor Spa dal marzo 2009.
• Imparentato con i Teodorani Fabbri, «ha studiato Relazioni internazionali alla Brown University, ha conseguito un Mba ad Harvard, prima di entrare nel mondo della finanza a New York, di occuparsi di investment banking in Sud America e di scalare i ruoli chiave nel settore M&A, fusioni e acquisizioni, del Credit Suisse First Boston di New York fino a raggiungere il grado di responsabile delle attività europee. Poi il grande balzo da Londra alla Ifil Investment come amministratore delegato e direttore generale» (la Repubblica).
• «Il primo colpo d’occhio lo consegna come un ragazzone dall’aria mite, quasi bonaccione se non fosse per quello sguardo che trasmette la sicurezza di chi sa quello che vuole e la tenacia di chi vuole imparare ciò che non sa» (Salvatore Tropea).
• Fu amministratore delegato ad interim della Juventus (controllata al 60% da Ifil) nel momento più difficile dello scandalo Calciopoli (maggio-giugno 2006).
• Sposato, due figli.