Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Carlo Sama

Biografia di Carlo Sama

• Ravenna 22 giugno 1948. Imprenditore. Manager. Sposato con Alessandra Ferruzzi, figlia del Serafino Ferruzzi che fece fortuna commerciando granaglie e cemento. Chiamato anche «Carlo il bello» per via della sua folta chioma. Nel 1993, poco prima del suicidio del cognato Raul Gardini (sposato con Idina Ferruzzi), fu messo a capo del gruppo di famiglia. Condannato a tre anni di reclusione (evitati con l’affidamento ai servizi sociali) per lo scandalo Enimont, fu però assolto dalle accuse di falso in bilancio nelle società di famiglia.
• «Se c’è un protagonista di Tangentopoli uscito indenne da quegli anni è proprio Sama. La sua pena l’ha scontata, tre anni di cui tre mesi sono stati in carcere e 2 anni e 6 mesi in un centro di recupero per tossicodipendenti: servizi sociali. Insieme con Sergio Cusani e Luigi Bisignani depose di fronte al pm Antonio Di Pietro e delle centinaia di imputazioni che gli furono contestate (circa 146 ndr) alla fine molte si risolsero nel nulla» (Alessandro Da Rold) [Linkiesta 23/7/2013].
• Vive a Montecarlo, possiede allevamenti e terreni agricoli per decine di migliaia di ettari in Argentina, Paraguay e Brasile. La holding di famiglia si chiama Fer-Sam (Ferruzzi-Sama).
• Si dice «berlusconiano a vita»: «Berlusconi è l’unico che da imprenditore mi ha telefonato nei momenti di difficoltà, che mi onora ancora della sua amicizia».
• «Errori ne ho fatti tanti ma quali sono li tengo per me».
• Il suo nome comparve nella lista dei 400 italiani con depositi presso la banca Lgt di Vaduz, nel Liechtenstein: insieme ad altri esponenti della famiglia avrebbe depositato nell’istituto di credito cinque milioni di euro. Ma respinse le accuse di evasione fiscale: Montecarlo «non è una residenza fittizia».
• Ha recentemente costruito un “room & breakfast” di lusso nella Villa Santa Maria in Foris che è sempre stata la casa della famiglia Sama-Ferruzzi.