Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Torino 27 aprile 1930 – Avigliana (Torino) 15 maggio 2009. Pittore. «La prima fase del suo lavoro è segnata profondamente dalla cultura umanistica esistenziale degli Anni 50 ed è influenzata all’inizio da artisti come Spazzapan, Moreni, Fautrier, De Stael, De Kooning, Kline, Guston e Bacon, ma la dimensione informale della sua pittura si caratterizza ben presto in termini molto personali. Ruggeri si afferma definitivamente con lo straordinario ciclo di dipinti del 1957/64 , nature morte e soprattutto figure in interni o nel paesaggio, che hanno ben poco di figurativo, dove da bui fondali di nera materia pulsante emergono lampi di luce bianca e drammatiche tracce rosse, anche con riferimenti dichiarati ma del tutto reinventati a grandi del passato come Rembrandt e Caravaggio» (Francesco Poli).