Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Avellino 25 luglio 1960. Politico. Eletto alla Camera nel 1994, 2001, 2008, 2013, al Senato nel 2006 (Ppi, Biancofiore, Forza Italia, PdL). Ministro per l’Attuazione del programma nel Berlusconi IV. «Io sono il ministro per l’Attuazione e la prima cosa che attuiamo è che i ministri non parlano».
• «Cresciuto alla scuola della fazione perdente della Dc avellinese di Fiorentino Sullo e di Gerardo Bianco» (Fabio Martini), «giornalista, laureato in Giurisprudenza, alla scissione del Ppi si schierò con Rocco Buttiglione, suo grande amico ora abbandonato in minoranza. È il leader della Democrazia cristiana per le Autonomie» (Massimo Gramellini e Mattia Feltri). «Appassionante il confronto con Giuseppe Pizza che rivendica il copyright su nome e simbolo. “E questo da dove esce?”, si chiese Gianfranco Rotondi, segretario di un’altra nuova Dc. E prese a diffidare tutti dal “dare notizia circa una sedicente Dc”...» (Gian Antonio Stella).
• «Quando venne il suo turno per convincere Berlusconi a metterlo nel governo, Gianfranco Rotondi si attorcigliò in un discorso complesso, alla democristiana. Ma quando capì che il Cavaliere si stava spazientendo concluse: “Presidente, fammi pure ministro alle ’Varie ed eventuali’”. Così è diventato l’“attuatore del programma”» (Amedeo La Mattina).
• Sposato con Maria Teresa Spatola (alle nozze il testimone Silvio Berlusconi cantò ’a gelusia), tre figlie.