Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

• Milano 2 marzo 1948. Industriale. Presidente di Techint. Fratello di Paolo (Milano 14 ottobre 1952), amministratore delegato e presidente di Tenaris, numero uno mondiale del settore dei tubi d’acciaio per l’industria del petrolio e del gas. Dal 2013 Presidente di Assolombarda.
• «Per descrivere la dinastia imprenditoriale dei Rocca, occorre partire dal nonno Agostino, classe 1895. Formatosi come ingegnere capo alle acciaierie Dalmine, Agostino Rocca è considerato con Oscar Sinigaglia uno dei pionieri della siderurgia pubblica italiana. Prima lavorò alla riorganizzazione del settore in qualità di segretario del Comitato per la siderurgia bellica, poi sotto il fascismo divenne amministratore delegato della Dalmine stessa (dal 1935) e dal 1938 direttore generale della Finsider. Riparato in Argentina nel 1945, avviò - costruendo un gasdotto in Patagonia - le attività della Techint, l’azienda impiantistica il cui nome, ancora oggi, identifica nelle cronache finanziarie il gruppo di famiglia. Sviluppato a livello internazionale dal figlio Roberto, scomparso nel 2003, il gruppo ha sempre mantenuto doppie radici e conserva ancor oggi un duplice quartier generale» (Luca Piana). Paolo ha i suoi uffici a Buenos Aires, Gianfelice a Milano.
• Nel 2008 problemi in Venezuela, dove il presidente Hugo Chávez ha deciso di rinazionalizzare la Sidor, ceduta nel 1997 alla Techint (che da allora ci ha investito 950 milioni).