Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Salerno 8 ottobre 1946. Avvocato. Fondatore e presidente del Codacons (Coordinamento associazioni difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori). «Abbassiamo i prezzi, non le mutande».
• «Ha denunciato il ministero delle Comunicazioni (ai tempi di Totò Cardinale) per lo scandalo dei numeri erotici, la Sisal per gioco d’azzardo, i vigili che non multano i ragazzi senza casco per omissioni di atti d’ufficio. Si è anche autodenunciato all’ordine degli avvocati, “per far pagare ai miei clienti meno della tariffa minima”. La domenica annota le targhe dei Tir che circolano nonostante il divieto. Una volta si rivolse alla guardia di finanza, all’ordine dei farmacisti e al Comune di Roma per farsi restituire 5 lire del resto di una pomata. Figurarsi la notte dell’euro. Un barista di Ladispoli che aveva portato il cappuccino da 1500 lire a 90 centesimi fu condannato. Obiettivi: “Creare una grande lobby dei consumatori in Europa. Introdurre anche in Italia la class action, la causa di gruppo, che ce l’hanno pure in Australia e in Brasile. Liberalizzare l’accesso alle professioni. Evitare altri casi Cirio e Parmalat. Organizzarci per non farci più fregare”» (Aldo Cazzullo).