Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Napoli 17 ottobre 1959. Medico. Anestesista all’ospedale di Cremona. Nel dicembre 2006 fece scalpore la sua offerta d’aiuto a Piergiorgio Welby (vedi Mina Welby), ammalato di distrofia muscolare che chiedeva di essere aiutato a smettere di soffrire e che morì la notte tra il 20 e il 21 dicembre dopo che gli era stata sospesa, sotto sedazione, la ventilazione artificiale. Indagato per omicidio del consenziente, nel luglio 2007 fu prosciolto dal Gup del Tribunale di Roma, non luogo a procedere perché il fatto non costituisce reato. «Sono convinto di aver combattuto una battaglia che andava fatta (...) Era tutto già scritto nella Costituzione italiana. Lì si dice che nessun paziente può essere curato contro la sua volontà» (a Claudio Del Frate).