Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Buenos Aires (Argentina) 28 novembre 1951. Giornalista. Scrittrice. Quartogenita di Urbano Rattazzi e Susanna Agnelli. «Forse la più intelligente delle figlie di Susanna, quindi, secondo un’amica, “quella che ha sempre dato i problemi maggiori”» (Marco Ferrante).
• «L’intelligenza è un concetto relativo, posso dire di aver vissuto molto con i libri. Quanto ai problemi, può darsi che sia andata a sbattere qualche volta, ma ho sempre avuto chiara la tendenza all’autoprotezione, anche in anni in cui molti si sono autodistrutti» (a Lucia Scajola) [Pan 18/2/2014].
• «Educata in un collegio di suore in Francia, Delfina non è tipo da crearsi alibi: “Sono cresciuta tra i privilegiati. Ho imparato sulla mia pelle che il privilegio, in certi casi, è il lasciapassare per l’autodistruzione”» (Chiara Beria d’Argentine).
• Tra i libri: Mondadori: la grande sfida (Rizzoli 1989) e Raul Gardini – Il contadino, la Montedison e il diavolo (Rizzoli 1990) con Giuseppe Turani, Say goodbay (Cairo 2006) romanzo-diario sui suoi vent’anni a New York negli anni Settanta.
• Appassionata di giardinaggio, nel 2008 ha pubblicato il libro Storie di insospettabili giardinieri (Cairo). «Per me felicità è ricevere da un amico una begonia presa in Bolivia, portarla a casa avvolta in un clinex e poi piantarla».
• Alle primarie del Pd del 2013 ha votato Matteo Renzi.
• Vive a Milano. Da Carlo Scognamiglio ha avuto i figli Filippo (1982) e Thea (1984).