Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

• Sarzana (La Spezia) 13 luglio 1943. Politico. Membro della Direzione nazionale del Pd. Assessore allo Sviluppo dell’innovazione e dei saperi del Comune di Genova dal 2008 al 2012. Nel 2006 fu eletto al Senato coi Ds.

• In gioventù noto come “Baghetta”, studiò Filosofia a Pisa. «Figlio del sindaco comunista di Sarzana (Paolino Ranieri, 1912-2010) negli anni Sessanta, ben presto passa dalla Fgci al Potere operaio e poi a Lotta continua, contestando il padre da sinistra. Nel 1972 esce da Lc non accettando quella che definisce una svolta “militarista” dell’organizzazione, aderisce a Democrazia proletaria e al Pdup (corrente di Vittorio Foa). In seguito percorre una brillante carriera prima nella Cgil e poi nei Ds» (Diario).
• Da assessore a Genova, si disse favorevole alla costruzione di una moschea in città. «Il diritto a costruire un luogo di preghiera non va sottoposto a referendum, perché attiene al diritto della libertà di culto».
• Alle primarie Pd del dicembre 2013 sostenne Pippo Civati.
• «Mio padre era un comandante partigiano, prima di chiudere gli occhi mi ha detto: La cosa che mi dispiace di più, è andarmene che ancora lui (Silvio Berlusconi, ndr) comanda».
• Diverse pubblicazioni, da ultimo Da Genova per Genova (Liberodiscrivere, 2012).