Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Cologna Veneta (Verona) 15 ottobre 1937. Industriale. “Re della pasta fresca”. «Non passa giorno che qualcuno non mi chieda di quotare la mia azienda in Borsa. Sinceramente mi auguro di non farlo mai (...) Mi conterebbero le volte che respiro e io non sono abituato così».
• «Comincia nel 1961, curando personalmente la preparazione della pasta e del ripieno nel panificio di famiglia. Nel 1968, l’addio alla lavorazione a mano: entra nel laboratorio la prima macchina per la produzione del tortellino, ideata e perfezionata dallo stesso Rana. Poi, nel 71 inizia la fase industriale e dell’automatizzazione: nasce un formato di tortellino uguale a quello prodotto anni prima artigianalmente. Il formato Rana, appunto. A metà degli anni Ottanta il Pastificio si spinge verso la leadership del mercato italiano rifiutando l’offerta di acquisizione da parte di Barilla. Negli anni Novanta Rana diventa testimonial dei suoi prodotti, con gli spot in cui appare a fianco di Marilyn Monroe e Clark Gable» (Fabio Pozzo). Erano montaggi al computer in cui entrò anche Stalin, poi scelse contesti più quotidiani, con la sua visita a sorpresa a una famiglia-tipo. Il patron che sponsorizza i propri prodotti divenne una moda: dopo di lui Francesco Amadori, Roberto Carlino, Ennio Doris ecc.
• «Ti faresti raccontare cento volte del suo incontro con John Travolta, a New York, “quando semo andà con Clinton” alla festa della comunità italiana. “E allora Travolta mi ha detto: ’Io la conosco, lei è Johnny Tortellino’”» (Michele Farina).
• Nel 2004 ha pubblicato La mia ricetta per la serenità (Sonzogno). Nel 2008 ha presentato al Cibus di Parma una Fiat 500 personalizzata dall’azienda, con due ravioli al posto dei poggiatesta anteriori e un agnolotto gigante come leva del cambio.
• Padre di Gian Luca.