Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  luglio 16 Lunedì calendario

• Napoli 16 aprile 1911. Storico. Grande grecista.
• Decano degli studi classici in Italia, ha dato un contributo decisivo alla conoscenza del mondo egeo-anatolico, della filosofia di Plotino e dell’epigrafia greca e romana. Ha insegnato in varie università, concludendo la sua attività alla Normale di Pisa (di cui è stato direttore). Nel 1946 fondò la rivista La Parola del Passato, fu a capo dell’Istituto Croce e dell’Istituto italiano per gli studi filosofici. «I suoi scritti, spesso incentrati sul mondo greco e romano, si estendono anche all’Asia Minore, alla Persia e all’India. Molti di essi traggono spunto da antiche iscrizioni: la sua straordinaria perizia filologica e paleografica si formò nella precoce giovinezza, quando ancora studente di liceo ebbe in dono la Collectio tertia dei papiri di Ercolano, comprendendo prestissimo quanto di nuovo possa apportare anche il più piccolo frustulo testuale che emerga da un mondo antico giuntoci in modo così drammaticamente frammentario» (Salvatore Settis).