Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 13 Mercoledì calendario

• Taranto 16 marzo 1967. Giornalista. Direttore di Radio Uno e del Giornale Radio Rai (dal 10 agosto 2009).
• «Primi passi a Studio P, emittente privata di Pisticci, in Basilicata (...) Quando conduceva Per noi ragazzi, trasmissione di musica e dediche, Antonio Preziosi, figlio di un appuntato dei carabinieri e di una casalinga, aveva soltanto 12 anni. A 16, per Poliradio, emittente di Policoro, sua città natale, già si occupava della politica locale. E quindi, “da grande”, vincendo un concorso interno, è approdato in Rai. È cresciuto, insomma, a pane e radio» (Antonella Piperno) [Pan 21/1/2010].
• «Ex inviato al seguito del presidente del Consiglio, Preziosi è considerato vicino a Silvio Berlusconi, e non sono dicerie. Nominato nel 2009 dal consiglio d’amministrazione guidato da Mauro Masi, Preziosi ha assunto Laura De Pasquale come assistente di direzione: è la compagna di Roberto Gasparotti, l’uomo immagine del Cavaliere. (…) La coppia Preziosi-De Pasquale ha provocato proteste formali e informali, la sostituzione o l’abbandono di sei giornalisti di vertice: un condirettore, un vicedirettore, un caporedattore centrale e tre caporedattori. (…) La direzione Preziosi, ormai da mesi, non attraversa un momento positivo. Un paio di anni fa, clamoroso, l’attivissima De Pasquale inviò una mail ai conduttori per vietare l’uso del termine “profilattico” e “preservativo” nei programmi: peccato che fosse la giornata contro l’Aids. In attesa del faccia a faccia fra il comitato di redazione (incaricato all’unanimità dall’assemblea) e il dg Gubitosi, Preziosi ha proposto dieci nomi per dieci promozioni: l’azienda ha detto di no. Il direttore è anche consultore del Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali su indicazione di Benedetto XVI, anche se il suo riferimento diretto in Vaticano è l’ex segretario di Stato, il cardinale Tarcisio Bertone» (Carlo Tecce) [Fat 16/10/2013].